Cerveteri Litorale Ultim'ora

Bonus spesa a Cerveteri, giù le mani dai cittadini bisognosi!

I nostri lettori più attenti avranno notato che Ortica Social non si era occupata nei giorni scorsi della vicenda dei bonus spesa a Cerveteri. E delle fantasiose interpretazioni su manovre poco chiare per l’assegnazione di questi ticket a cittadini che ne avevano realmente bisogno durante il blocco causato dal Corona virus.

E’ stata una precisa scelta giornalistica visto che eravamo in presenza di un non notizia, ovvero del maldestro tentativo di personaggi che dovrebbero svolgere altri lavori di catturare un pò di attenzione per una testata che ormai fa acqua da tutte le parti. Per ovvi motivi, ci siamo astenuti dal commentare, consapevoli sia che prima o poi gli incapaci un errore lo commettono, sia perchè era prevedibile che un’ondata di indignazione avrebbe travolto elementi che da ex venditori di enciclopedie si improvvisano editori e altri che si posano un cappello sulla testa e si illudono di essere veri giornalisti. E l’ondata di indignazione è arrivata, esplosa duramente sui social ed espressa anche da forze politiche di varia estrazione per un modo di seminare odio e sospetto in una vicenda che ha riguardato centinaia di persone che avevano difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena. Purtroppo, chi non ha mai lavorato veramente nella vita, o chi è incline a sfruttare il prossimo, difficilmente può comprendere questi discorsi. E così dal Partito democratico al Centro destra, è salita la fortissima presa di distanze da coloro che hanno propalato notizie fuori dal mondo, soprattutto tutti hanno puntato il dito contro la presunta distribuzione delle liste con i nomi dei beneficiari dei bonus spesa. Manca ancora la risposta dell’amministrazione comunale di Cerveteri che auspichiamo sia forte e significativa. Non ci sono stati complotti, non ci sono state omissioni nella documentazione riguardante questi ticket, non ci sono state porcate come qualche dilettante allo sbaraglio ha tentato di urlare alla luna per dare una boccata di ossigeno all’agonizzante nave su cui ancora galleggia. Alla fine, insomma, la verità e le differenze nel modo di proporre informazione stanno venendo alla luce, il giornalismo è una professione seria che purtroppo da qualche tempo è in mano ad apprendisti stregoni, streghette isteriche e figuri insignificanti che recano solo danno a tutta la categoria. Il tempo sta iniziando ad essere galantuomo, ma non avevamo dubbi. Riguardo alla vicenda dei bonus spesa, Ortica Social sarà sempre al fianco dei cittadini meno abbienti che ne hanno fatto richiesta, non permetteremo a nessuno di gettare fango su persone che vivono momenti economici complicati e che di tutto hanno bisogno meno che di dilettanti allo sbaraglio che nemmeno sanno quello che scrivono. Per chiudere, come ha ipotizzato qualcuno sui social, ma non sarà che tutta questa rabbia e cattiveria arrivi da figuri che volevano il bonus spesa e non lo hanno ricevuto? Che l’osso gettato dal padrone non sia più sufficiente? Brutta cosa passare la vita a rosicare…

                                                                                                                       Gianni Palmieri

 

Lascia un commento