Cerveteri Litorale

In sala Ruspoli a Cerveteri la presentazione del libro “Partigiane”

Sarà un vero e proprio viaggio nella storia, quello che la locale sezione ANPI promuove sabato sera ore 18 alla Sala Ruspoli, Piazza Santa Maria a Cerveteri. Occasione dell’incontro la presentazione del libro “Partigiane”, volume scritto a più mani da Amalia Perfetti, Serena D’Angelo, Stefano Catone e Ivan Vaghi con prefazione di Johannes Buckler e postfazione della partigiana Teresa Vergalli.

Il testo consentirà di conoscere le vicende biografiche di donne meravigliose, dieci tra le più significative delle tantissime che hanno scritto le pagine indelebili della Resistenza e ci accompagnerà nelle memorie e nei ricordi delle artefici della rinascita materiale, civile e morale della nostra nazione e della nostra società. Hirschmann, Rossi, Capponi, Gobetti, Menapace, Mattei, Viganò, Iotti, Ombra, Maffai e Vergalli saranno le 10 meravigliose donne protagoniste della narrazione che, attraverso le proprie testimonianze, ci racconteranno la Resistenza sotto un altro profilo. Leggeremo e scopriremo come le donne, umiliate ed emarginate dal fascismo, attraverso i valori della lotta partigiana abbiano trovato occasione di riscatto e di affermazione. Donne non solo protagoniste nella lotta attiva contro tutto ciò che la dittatura rappresentava e contro l’occupazione nazista, ma attrici fondamentali anche della ricostruzione dello spirito collettivo che era stato demolito e mortificato dall’inciviltà fascista. L’opera è stata pensata per far conoscere anche ai più giovani l’esperienza della Resistenza e i valori dell’antifascismo e della nostra Costituzione, dando voce a personaggi fondamentali che la storia, colpevolmente, tende ha mettere in secondo piano. Oltre alla presenza di Amalia Perfetti, una delle coautrici, la serata vedrà la partecipazione di Marina Pierlorenzi, vicepresidente ANPI Roma, Sara Ferdinandi dell’associazione Donne in Movimento e sez. ANPI Cerveteri-Ladispoli e Camilla Ancona, Segretaria sezione ANPI Cerveteri-Ladispoli.

 

Lascia un commento