Cerveteri Civitavecchia Ladispoli Litorale Sport Ultim'ora

Anzio e Civitavecchia si giocano il titolo d’inverno. Spareggi salvezza per Cerveteri e Ladispoli

Ultima giornata del girone di andata nel campionato di Eccellenza che potrebbe riservare interessanti sorprese.

Domenica 8 gennaio, con tutte le gare che inizieranno alle ore 11, la capolista Anzio è attesa dalla difficile trasferta sul campo della W3 Maccarese che non può più sbagliare. I bianconeri sono distanti sei punti dalla vetta, un’altro passo falso li allontanerebbe dalla zona play off, la squadra del mister Manelli ha solo la vittoria come obiettivo. L’Anzio arriva da un momento esaltante, si è ripreso il primo posto sfruttando il cammino a singhiozzo del Civitavecchia, uscire indenne dal campo di Acilia significherebbe offrire una prova di solidità. Alcuni addetti ai lavori continuano a considerare la compagine del tecnico Guida come una meteora destinata prima o poi ad eclissarsi dalla vetta, dimenticando che i neroniani lo scorso torneo arrivarono secondi e si qualificarono per gli spareggi promozione. Per la W3 Maccarese non è l’ultima chiamata, ma un appuntamento da non fallire.

Francucci e Di Fusco nuovi acquisti dell’Indomita Pomezia

Chi invece spera che l’Anzio cada è il Civitavecchia. In casa del fanalino di coda Indomita Pomezia i portuali non dovrebbero faticare molto a fare bottino pieno, troppo netto il divario tecnico, ma i giocatori del mister Bifini dovranno fare fronte all’assenza del bomber Manuel Vittorini. E’ una gara sulla carta da goleada per il Civitavecchia che dovrà dimostrare di aver smaltito le tossine dei cenoni festivi e la delusione per un cammino spesso discontinuo. Per l’Indomita Pomezia non è la partita dove raccogliere punti, ma i gialloneri talvolta hanno avuto dei sussulti, rifilando un poker ai cugini dell’Unipomezia e fermando sul pari club di valore come Aurelia Antica e W3 Maccarese. Peraltro la squadra di mister Leonardo Aiello si è discretamente mossa nel calcio mercato invernale, tesserando tra gli altri Luigi Di Fusco, mezzala che in questa prima parte di stagione ha indossato la maglia dell’Itri, e Fabio Francucci, centrocampista proveniente dal Pomezia in Serie D. Sono arrivati anche il difensore Pacchiarotti dal Campus Eur, e gli attaccanti Andrea Testi  e Christian Tiberi, quest’ultimo figlio d’arte di Giovanni, conosciuto nel calcio per i gol segnati con la maglia dell’Ostiamare e per un passato nel professionismo con le maglie di Ternana e Viterbese.

Quarto Municipio – Centro Sportivo Primavera e Boreale – Nettuno sono match importanti per la zona medio alta della classifica tra club che puntano ad una salvezza serena dopo un girone di andata soddisfacente. Chi vanta ancora velleità di play off è il Centro Sportivo Primavera che rappresenta la più bella sorpresa del raggruppamento, a conferma del buon lavoro del tecnico Dario Polverini. La squadra è stata rinforzata con l’arrivo del centrocampista Damiano Sterpone dall’Anagni Calcio, un giocatore che vanta più di 100 presenze in Serie D. In casa del Quarto Municipio solo una vittoria potrebbe avvicinare ulteriormente il Centro Sportivo Primavera alla vetta, mentre Boreale – Nettuno appare una gara dove il pareggio sembra essere il risultato più probabile, considerando che gli ospiti hanno anche giocato in settimana la semifinale di andata della Coppa Italia a Formia.

Emanuele Maggese è passato dal Sora al Fiano Romano

In coda alla classifica è una giornata dalle forti emozioni. Gli occhi sono puntati su Fiano Romano – Cerveteri, scontro salvezza che potrebbe avere un peso determinante sul futuro di entrambe. A dicembre il Fiano Romano si è scatenato nel calcio mercato, la squadra ha cambiato volto, alla corte di mister Claudio Gentili sono arrivati il centrocampista  Simone Madonna, l’esterno mancino Daniel Manga, l’attaccante Roberto Delgado,  e l’esterno Emanuele Maggese dal Sora. Rinforzi importanti che confermano come il Fiano Romano vuole acciuffare la zona play out dopo un girone di ritorno non esaltante. Per il Cerveteri, che non si è mosso nella campagna acquisti, è una partita da non perdere per rimanere agganciato alla zona che permetterebbe la salvezza diretta senza passare per la tagliola degli spareggi. Non ci sarà in panchina lo squalificato mister Giampaolo Superchi, gli etruschi sono reduci da un periodo interessante, a Fiano Romano saggeremo lo spessore della compagine formata da molti giovanissimi provenienti dal Borgo San Martino.

L’allenatore Massimo Castagnari

Altro match per cuori forti è Academy Ladispoli – Astrea. Dopo l’immeritata sconfitta nei minuti di recupero con la Boreale, per i rossoblu la situazione in classifica è diventata pesante. La zona sicurezza è distante sette punti, tra infortuni e squalifiche il Ladispoli è scivolato al quartultimo posto, è suonato l’allarme, obbligatorio vincere contro l’Astrea per tenere il passo delle dirette concorrenti. Finalmente il mister Massimo Castagnari potrà recuperare tutti i titolari, mancherà solo Catese, appiedato dal giudice sportivo. Partita da vincere ad ogni costo, l’Astrea veleggia poco sopra la zona play out, in trasferta ha già vinto tre volte, a Ladispoli tenterà di strappare un risultato positivo. Se i rossoblu vogliono ottenere la salvezza debbono provare a vincere tutte le gare casalinghe con le rivali alla loro portata. Servirebbero spalti gremiti per spingere il Ladispoli alla vittoria, ma ormai è un discorso vecchio e ripetitivo.

Sempre nella bassa classifica è rilevante Polisportiva Cimini – Campus Eur. Compagini ad inizio stagione quotate per la lotta al vertice e precipitate in piena zona retrocessione. Entrambe hanno cambiato volto con il calcio mercato di dicembre, sono andati via tanti giocatori nella speranza di agganciare rapidamente la metà della classifica. La Polisportiva Cimini è reduce dalla batosta per 3-0 in Coppa Italia rimediata dalla Luiss, non può fallire la vittoria contro una concorrente diretta che la precede di tre lunghezze. Match complicato per entrambe, il Campus Eur accetterebbe anche un pari, ma se i gialloneri del mister Puccica non vincessero la situazione diventerebbe sempre più complicata. Anche il Falaschelavinio che ospita l’arcigna Vis Sezze non ha alternative. O vince o continuerà ad annaspare sul fondo della graduatoria, vedendo le rivali che si allontanano. La Vis Sezze è club scomodo, si è rinforzata notevolmente a dicembre, un successo permetterebbe addirittura di avvicinarsi alla parte nobile della classifica. Può sembrare strano, ma anche Aurelia Antica – Unipomezia è gara che riguarda la parte meno nobile della classifica. I romani puntano apertamente a raggiungere subito la quota salvezza, obiettivo primario di una matricola che è stata capace di essere prima in graduatoria per molte settimane. L’Unipomezia, che ha fallito anche in Coppa Italia, non può davvero perdere un’altra partita in trasferta. La zona play out è distante solo cinque punti, da dietro stanno iniziando a correre, probabilmente la compagine del mister Gerli deve iniziare a guardarsi alle spalle e riporre definitivamente i sogni di gloria. Continuare a parlare di rimonta verso la vetta quando si è più vicini alla zona spareggi sembra tanto un voler negare la realtà dei fatti.

 

 

 

Lascia un commento