Cerveteri Civitavecchia Ladispoli Litorale Sport Ultim'ora

Cadono le big di Eccellenza, Ladispoli affonda, Cerveteri non vince più

Brusca caduta delle big del Girone A di Eccellenza nel decimo turno.

Ancora un goal, stavolta inutile, per il bomber Manuel Vittorini

Fa rumore il tonfo del Civitavecchia, sconfitto 1-3 al Tamagnini da una Boreale spietata e cinica che ha saputo approfittare della giornata negativa dei portuali per ottenere una vittoria di prestigio che l’avvicina alla zona play off. Domenica da dimenticare per Manuel Vittorini e compagni che tra le mura amiche spesso subiscono rovesci clamorosi. Dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia è arrivata un’altra delusione per i nerazzurri che possono solo sorridere per lo stop, ancora più clamoroso, dell’Aurelia Antica che ha perduto l’imbattibilità sul campo del Quarto Municipio. Da qualche settimana la squadra del mister Mastrantonio mostrava piccoli segni di cedimento, forse il sogno di lottare per il primo posto sta lentamente svanendo. Il 2-1 per il Quarto Municipio, maturato nel finale, conferma che l’obiettivo prioritario deve rimanere la salvezza per entrambe le compagini.

Il mister Mario Guida dell’Anzio

Chi sta arrivando di gran carriera è l’Anzio del mister Guida che si è preso il secondo posto, tallona ad un solo punto il Civitavecchia ed appare il club più in forma delle ultime settimane. Il 4-1 al Ladispoli ribadisce che i neroniani vogliono recitare un ruolo da protagonisti, l’obiettivo dichiarato è la promozione diretta in Serie D. Alza la voce anche la W3 Maccarese che sconfigge di misura il Falaschelavinio con un goal realizzato dopo pochi minuti, affacciandosi a sole tre lunghezze dalla capolista. All’appello nell’alta classifica manca l’Unipomezia. Nemmeno sul campo del fanalino di coda Fiano Romano è arrivata la prima vittoria in trasferta, giocare lontano da casa è diventato un problema ormai cronico per Rossi e compagni. Spettacolo e goal tra Centro Sportivo Primavera ed Astrea, gli ospiti si sono fatti rimontare il doppio vantaggio, entrambe le squadre veleggiano a distanza di sicurezza dalla zona retrocessione e seguono a pochissimi punti le battistrada.

 

Colace aveva portato in vantaggio il Ladispoli

In coda alla graduatoria alcuni drammi sportivi si stanno materializzando. Il Ladispoli ha rimediato la quarta sconfitta stagionale, ad Anzio, in uno stadio chiuso ai tifosi, è arrivato un altro pesante 4-1, nemmeno andare in vantaggio con una rete di Colace è stato sufficiente ad evitare l’ennesima batosta. La situazione in classifica è grave, la zona salvezza è già distante cinque punti, gli alibi delle tante assenze rischiano di diventare un boomerang per un club in palese difficoltà che nelle prossime quattro gare dovrà affrontare big come Centro Sportivo Primavera, Civitavecchia, Campus Eur ed Unipomezia. Senza uno scossone, c’è il rischio di arrivare a fine anno con un distacco ampio dalla zona salvezza. Ai dirigenti rossoblu suggeriamo una robusta campagna acquisti dal primo dicembre con almeno tre inserimenti di giocatori esperti per evitare di rimanere impantanati in fondo alla classifica.

Tifosi arrampicati per vedere la partita del Cerveteri

Ancora una mancata vittoria per il Cerveteri che, in uno stadio Galli tristemente deserto e con  i tifosi arrampicati sulle scalette, ha impattato 1-1 con il Nettuno. Le assenze in fase offensiva di Palermo e Toscano hanno pesato, tanta buona volontà, qualche segnale lieve di miglioramento, ma l’obiettivo prioritario sembra già essere arrivare agli spareggi dei play out con una posizione in classifica di vantaggio. Il Cerveteri non vince una partita da quasi due mesi, un motivo ci sarà. Nei guai anche l’Indomita Pomezia, sconfitta a domicilio dalla Polisportiva Cimini che ha iniziato la rincorsa verso le zone importanti della classifica. L’arrivo del mister Stefano Scaricamazza ed alcuni inserimenti hanno cambiato il volto dei gialloneri che sembrano aver innestato la marcia alta per avvicinarsi all’area play off. Brutta sconfitta per l’Indomita Pomezia che, dopo aver vinto il derby con l’Unipomezia alla seconda giornata, non è più riuscita a fare bottino pieno. Vittoria preziosa del Campus Eur che ha sorpassato in classifica la Vis Sezze, regolata con un 2-0 che permette ai romani di risalire la china.

Lascia un commento