Cerveteri Ladispoli Litorale Spettacolo Ultim'ora

“Caravaggio fu ucciso a Palo”, la tesi rilanciata dal film di Michele Placido al cinema dal 3 novembre

L’indiscrezione era trapelata da mesi. Mancava però la conferma ufficiale che è arrivata da una nota dell’agenzia Ansa.

Il regista Michele Placido (foto Ansa)

Nel film “L’ombra di Caravaggio”, in uscita nei cinema il prossimo 3 novembre, il regista Michele Placido ha accolto la tesi che il grande pittore sarebbe stato ucciso a Palo dopo essere sbarcato ed imprigionato nel castello dell’attuale Ladispoli. Una scelta coraggiosa da parte di Placido che si contrappone dunque alla tradizionale, e poco documentata tesi, secondo cui Caravaggio sarebbe morto sulla spiaggia di Porto Ercole dopo aver camminato per oltre 100 km, malato e debilitato, sotto il sole di luglio. Il film, che sarà distribuito in tutta Europa da una produzione internazionale, rappresenta dunque lo spartiacque atteso da tempo da tutti coloro che da anni si battono per evidenziare come i dubbi sollevati dal compianto professor Pacelli, docente dell’università Federico II di Napoli, fossero fondati e condivisibili. Nel libro “L’ultimo Caravaggio”, infatti, una decina di anni fa lo studioso partenopeo mise in discussione convinzioni di secoli, ma anche documenti ancora oggi riconosciuti come validi, sul luogo e sulle cause della fine prematura del grande pittore che si ritiene avvenuta in Toscana il 18 luglio del 1610. Da tempo si dibatte fortemente sui fatti che condussero alla morte di Michelangelo Merisi, l’opera di Placido rilancia dunque la versione del professor Pacelli secondo cui Caravaggio fu ucciso nel castello di Palo, forse su iniziativa dell’Ordine di Malta ma con il tacito assenso della Curia romana. Il suo corpo fu fatto sparire, probabilmente in mare, per poi far circolare notizie non vere sulla sua fuga a Porto Ercole. Solo un regista coraggioso come Michele Placido, non nuovo a scoperchiare scomode pentole di storie controverse, poteva aprire uno squarcio decisivo in una storia che per convenzione da 450 anni viene ritenuta credibile come la morte sulla spiaggia di Porto Ercole.

Riccardo Scamarcio interpreta Caravaggio (foto Ansa)

Il film, in cui Riccardo Scamarcio interpreta Caravaggio accanto ad un cast di primissimo piano con Louis Garrel interprete della misteriosa Ombra, Isabelle Huppert nelle vesti della marchesa Costanza Colonna, Micaela Ramazzotti che incarna la prorompente Lena. Al loro fianco una schiera di eccellenti attori, da Vinicio Marchioni a Lolita Chammah, da Alessandro Haber a Moni Ovadia, da Lorenzo Lavia a Brenno Placido, fra gli altri con Michele Placido nel ruolo del Cardinale Del Monte. Il film segna l’esordio cinematografico di Tedua, l’artista e rapper tra i più influenti della nuova scena musicale italiana, nel ruolo di Cecco. A Ladispoli c’è grande attesa per l’uscita del film, finalmente anche una autorevole voce come quella di Michele Placido solleverà dubbi sugli ultimi giorni di Caravaggio, il giusto riconoscimento a coloro che da tempo si prodigano con convegni e mostre per ribadire che forse ci è stata raccontata una bugia lunga 450 anni. In primis, i componenti del progetto “Sui passi di Caravaggio” che dal 2019, insieme all’amministrazione comunale di Ladispoli, hanno dato vita ad iniziative che hanno fatto breccia nella versione convenzionale. Ricordiamo infatti che solo un anno fa il ricercatore Alberto Angela realizzò lo speciale “Una notte con Caravaggio”, confermando come la spiaggia di Palo fosse l’ultimo posto dove il grande pittore fu visto vivo. Un intervento autorevole che ha certificato, con documenti probanti, il saldo legame tra Caravaggio ed il territorio dell’attuale Ladispoli. Ora arriva il film di Michele Placido a scoperchiare la pentola, proponendo una tesi che non mancherà di fare rumore. Dove saranno ora tutti coloro che sorridevano qualche anno fa quando lanciammo l’ipotesi che Caravaggio forse non era morto a Porto Ercole ma aveva vissuto le ultime tragiche ore della sua vita sulla sabbia di Palo? Per chi volesse leggere l’articolo dell’agenzia Ansa il link è https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2022/10/14/lombra-di-caravaggio-e-quella-morte-che-resta-un-giallo_109bb446-874d-481f-8dc4-69a04258e0c2.html

 

Lascia un commento