Ladispoli Litorale Sport

Dinamo Pallacanestro Ladispoli vince la battaglia contro il Basket Petriana

E’ iniziata alle 18:30 in punto ed e’ finita alle 20:50, dopo due tempi supplementari e quasi due ore e mezza di gioco, una vera e’ propria battaglia sportiva che ha visto due ottime squadre affrontarsi a viso aperto, entrambi, seppur con motivazioni diverse, spinte dalla voglia di fare bene e portarsi a casa i due punti della vittoria.

Lo striscione della Dinamo che ricorda l’impegno contro la violenza sulle donne

Alla fine ha vinto la Mistercucina Dinamo Ladispoli, una partita da cardiopalma con continui sorpassi e controsorpassi, sempre in bilico, e che e’ sembrata piu’ volte finita a favore dell’una o dell’altra squadra e poi invece sempre riaperta in un modo o nell’altro. I papalini della Petriana Roma volevano assolutamente rimanere agganciati alla capolista del girone, quel Citta Futura Roma che viaggia a punteggio pieno, mentra la Mistercucina Dinamo voleva smuovere la sua classifica che cominciava a vederla invischiata in posizioni scomode per quelli che sono gli obiettivi stagionali fissati dalla societa’. Andiamo con ordine: alla presenza di un pubblico ancora una volta straordinario che ha gremito gli spalti del PalaSorbo, con ospiti d’eccezione quali il Sindaco Alessandro Grando e il Presidente del Consiglio Comunale Carmelo Augello, i giocatori della Dinamo sono scesi in campo accompagnati dalla bambine e ragazze del settore minibasket e giovanile srotolando lo striscione #StoppiamoLaViolenzaSulleDonne, a tributo alle iniziative promosse per la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Il primo quarto inizia molto bene per la Dinamo, con un brillantissimo D’Alonzo che mette subito a referto 11 dei suoi 18 punti complessivi, portando la squadra al primo break sul 23-18. Nei secondi 10 minuti la Petriana reagisce, e fa valere sotto canestro la sua maggiore fisicita’, con i ladispolani che sembrano accusare un calo di intensita’ e concentrazione, perdendo fluidita’ in attacco e sooprattutto grinta in difesa, testimonianza ne e’ il fatto che per ben due volte si fanno letteralmente mangiare in testa nella lotta a rimbalzo su tiri liberi sbagliati dai romani. Si arriva cosi all’intervallo lungo sul 40-42 e l’inerzia della partita tutta dalla parte della Petriana.

Alla ripresa dei giochi sono pero’ Mangiola e Acconciamessa a suonare la sveglia e ridare la carica giusta; in attacco i giochi dentro/fuori di coach Ciprigno portano i loro frutti e in difesa si rivede la voglia di anticipare su ogni passaggio e lottare su ogni pallone. Si arriva cosi all’ultimo quarto (o meglio, a quello che di solito e’ l’ultimo quarto…) sul 62- 53, un buon vantaggio tutto sommato… ma la pallacanestro e’ uno sport che regala grandi emozioni… a cinque minuti dalla presunta fine, i romani iniziano il festival delle triple: ne mettono 5, una infila all’altra, roba da guinness dei primati. Nonostante cio’, la Dinamo non molla e non si scompone, ribatte in qualche modo al tentativo di rimonta, e con De Martino, Mangiola, Fois, Di Francesco riesce a stare li’, sul pezzo. A 15 secondi dalla fine sono 3 i punti di vantaggio e sembra quasi fatta, ma un’incomprensione difensiva frutto di una cattiva comunicazione Dinamo panchina-campo, da’ agli ospiti una ultima chance… sono bravi i ragazzi della Petriana e con la sesta bomba del quarto riacciuffano la partita, 79-79.

Si va all’overtime, il morale sugli spalti e nella Dinamo e’ ai minimi termini, ma coach Ciprigno e’ bravissimo a riportare la concentrazione giusta: le squadre sono stanchissime, la precisione viene meno, ma i romani riescono a mettere la testa… questa volta e’ una bomba di capitan De Martino, nonostante lo stesso sia stravolto dalla fatica, che impatta la partita sull’86 a 86. Ultimo tiro ancora una volta per la Petriana, questa volta e’ la piu’ facile delle entrate da sotto che sembra mettere la parola fine a favore dei papalini… ma incredibilmente la palla gira sul ferro, entra ed esce dal canestro, e tra la disperazione degli avversari si va al secondo supplementare.

Segna subito Acconciamessa, e poi e’ un’altra bomba di De Martino a indirizzare finalmente la gara per il verso giusto, che viene finalmente e definitivamente decisa grazie alla freddezza e lucidita di un super  Mangiola ai tiri liberi.

Partite come questa sono veri e propri spot pubblicitari per il basket, chi e’ stato ieri al Palazzetto non puo’ non essere rimasto coinvolto e affascinato dal gioco, una cornice di pubblico straordinaria, in un ambiente bellissimo, con protagonisti che sportivamente parlando se le sono date per due ore e mezza, nella massima correttezza, e con la solita festa di meta’ partita organizzata per i bambini dalla Dinamo grazie al contributo del title sponsor Mistercucina.com …  complimenti a tutti i presenti e soprattutto agli attori protagonisti, giocatori e coach della Pallacanestro Dinamo e del Basket Petriana, arbitri e ufficiali di campo (partita dura anche per loro, ma bravi anche loro a gestirla nel migliore dei modi possibile).

Parziali e tabellino

Dinamo vs Petriana  23-18 17-24 22-11 17-26 7-7 10-7  finale 96-93

Fois 14, Terenzi 5, Bonavenia 2, De Martino  (cap) 11, Mangiola 26, Petronio 3, D’Alonzo 18, S.Ciprigno n.e, Acconciamessa 7, Di Francesco 10. Coach A.Ciprigno

Lascia un commento