Litorale Russo, ma non dormo Ultim'ora

FERMATELI! NON LI FATE PARLARE!!!

di Ugo Russo 

E’ passato ormai un mese e mezzo dall’inizio della guerra, voci si susseguono a fake-news e quando si palesa un minimo spiraglio di pace subito una smentita, con un incrudimento del conflitto che continua a nascondere molte verità. L’effetto diplomazia è stato quasi del tutto accantonato e sembra essere di fronte a non pochi esaltati, ognuno dei quali, pro domo sua, spara cavolate a dismisura creando serio nocumento ad una vera ipotesi di cessate il fuoco definitivo. Questo perché a livello planetario mancano i veri uomini politici di una volta. L’uscita di biden con parole al veleno nei confronti di putin è stata quanto meno inopportuna, in un momento in cui sembrava ci potesse essere un riavvicinamento, e ha provocato un fragore tale da decuplicare le distanze. Poi si è capito il vero scopo del numero uno statunitense (che agli americani sta facendo rimpiangere trump…): quello di vendere all’europa il suo gas, liquido, a tre volte di più di quello russo e foraggiare di mezzi, armi e uomini l’ucraina per una volontà, anche da parte sua, di fare una guerra inspiegabile. Ergo, era meglio se non si affacciava nel continente…E poi il periodo ha raccontato di un di maio che è andato in Ucraina ed è tornato dicendo con enfasi: “Si risolverà tutto per via diplomatica” e dopo due giorni è scoppiata la guerra. Poi, sempre il vostro ministro, ha detto, forse pensando di rappresentare una nazione che conta, “le nostre sanzioni contro la russia sono le più pesanti di tutte” con il risultato che la russia stessa ha preso a considerarci fortemente tra le nazioni da odiare di più. L’apoteosi si è registrata quando ha affermato che “l’italia farà da garante a un eventuale processo di pace” sempre dimenticando la non consistenza del nostro paese da quando è entrato nella uè uè sciù sciù. Zelens’kyj, capendo la delicatezza della cosa, ha chiesto aiuti a tutti “sia a quelli che si vogliono dichiarare dalla nostra parte, sia a quelli che vogliono agire nell’ombra, senza manifestarsi”. E noi, siora Longari, ci siamo esposti da subito! Ma forse non sono proprio fortunati i nostri politici. Guardate draghi, nella ormai famosa telefonata che dicono esserci stata con il presidente russo. Il nostro premier ha esordito dicendo: “Parliamo di pace” e la sera stessa sull’Ucraina sono piovute bombe al fosforo! E poi: “Ho convinto putin a continuare a dare il gas con pagamento in euro e dollari”. Il giorno dopo proclama da mosca: “Ai paesi ostili (e figuriamoci se non veniamo considerati tali anche noi…) pagamento solo in rubli!”.

Ed entriamo nell’altra grave sciagura del periodo (ormai lungo): la pandemia. A chi devono tappare categoricamente la bocca sono la gran parte dei virologi che in due anni e mezzo nulla hanno fatto se non ammorbarci lo spirito di cose gravi e mai riflettenti ciò che volevano sentir dire gli italiani: il vedere la luce fuori dal tunnel. Prima notizie meno drammatiche (volute dalle foraggianti case farmaceutiche e dalle organizzazioni sanitarie?) come “il vaccino risolverà tutto e in ogni caso in elevatissima percentuale non farà morire la gente”, poi smentite tanto per tornare a piombare nella disperazione. E così un continuo, ed ora si paventa il dubbio di dover convivere con questo virus chissà per quanti anni ancora. Il governo ha riaperto praticamente tutto dicendo che era finito lo stato di emergenza!!!!! L’emergenza è la nostra ad avere politici come voi! Si concede ai non vaccinati con un solo tampone di andare pure nei posti di lavoro; con il green pass ci possiamo pulire quando andiamo al bagno dopo averci obbligato a farlo perché doveva essere il documento delle avvenute vaccinazioni; e stiamo sul punto di lasciare quelle mascherine che all’inizio avevano promesso fossero gratuite ed invece abbiamo sborsato migliaia di euro a famiglia per comprarle.

Ma torniamo ai virologi o ad altri esponenti della sanità. Si devono vergognare per quello che è uscito dalle loro bocche e vogliamo citare alcuni casi clamorosi. “Pochi ma buoni” recita un famoso detto ma qui si deve parlare di “Pochi ma… orrendi”. Da “Non è l’arena” del 19 gennaio 2022: “la colpa di questi grafici con le linee dei controlli dei contagi è sbagliata perché non si fanno i controlli” che spetterebbero a chi ha parlato… “Si prende tutto èer buono”. O lo stesso in altra trasmissione: “Non ero a conoscenza che ci fosse un piano pandemico nel 2006 e quindi se era stato o meno aggiornato”!!!

Un altro a ’”l’aria che tira” del 13 gennaio 2022: “Per il covid si tende a curare i giovani che stanno meglio che gli anziani con varie patologie viste le difficoltà sulle strutture in cui si dibatte la sanità”!!!!! sanità che paghiamo profumatamente e in altri paesi è gratuita con posti garantiti negli ospedali, cure e medici sufficienti. Ma tu mi devi curare ognuno senza distinzioni, CAPITO? Si spiega anche perché son venuti tutti questi morti? Assassini.

E ancora un altro alcuni giorni fa nella trasmissione di Radio 1 delle 18. La bravissima conduttrice, ancora stravolta, ha ripetuto: “Il dottor xxx alla domanda sul numero elevato di 160 mila morti a cui siamo arrivati ha risposto: ho paura che arriveremo a 160 mila morti l’anno. Sono per lo più anziani a cui evidentemente il vaccino non ha fatto effetto”!!!!!!!!! Ma che lavori, per l’inps? Avete bombardato le palle in questi anni, ripetiamo, che il vaccino, specie se inoculato nella doppia o tripla dose, doveva essere fatto prima ai fragili e agli anziani, che così avrebbero avuto relativi problemi e men che mai sarebbero morti di covid-19. O prendete i soldi per nascondere la verità e favorire chi vi paga o non ci avete capito una mazza!!! E voi siete virologi quotati? Cambiate mestiere!!!

Nel frattempo i numeri della pandemia sono ancora tragici, come contagi e come decessi. speranza ha consigliato la quarta dose? Allora non la faccio…

VERGOGNA MONDIALE 2 – Qualcuno continua a dire che ai prossimi campionati del qatar l’italia potrebbe essere ripescata perché se una delle partecipanti che si sono qualificate dovesse rinunciare deciderebbe, senza criterio, la fifa e allora… Intanto sarebbe una sconfitta ancora più cocente di quella maturata sul campo, elemosinare un posto dopo non esserselo affatto guadagnato, noi paese calcistico viziato, che ospita un sacco di pippe che facciamo passare per supereroi, ancora strapagati quando non ce lo potremmo per niente permettere e la qual cosa ha portato all’inevitabile prossimo fallimento di molte società. E a dimostrazione di quanto sia unito il gruppo della nazionale italiana, dopo l’umiliazione ricevuta dalla Macedonia, dovevano essere i giocatori stessi a chiedere, pure quelli che sapevano di andare in tribuna, di voler andare in Turchia per l’inutile amichevole.

Invece, come hanno potuto, nove sono scappati adducendo problemi fisici o altro e poi praticamente hanno tutti giocato in campionato: luiz felipe, immobile, verratti, jorginho, mancini, berardi, politano, insigne e florenzi. Eccome se comandano i club! Roberto Mancini, l’ultimo ad entrarci per la mancata qualificazione in qatar, ha cercato di dire che li aveva autorizzati lui ma come avrebbe voluto averli tutti vicini! Ma dato che i fatti incresciosi non vengono mai da soli e per dirla alla Albertone: “E non ci facciamo sempre riconoscere!”, la serata nefasta di palermo ha fatto parlare in termini dispregiativi non solo del nostro calcio, ma della nostra nazione per quello che è successo dopo l’incontro, con gli spogliatoi, che hanno ospitato gli azzurri, lasciati molto peggio delle latrine più sozze. Quella sotto è solo un’immagine, ma ce ne sono tante altre relative anche ai bagni in cui l’uso del water non è stato proprio considerato e compagnia cantando.

Altri paesi (come l’inghilterra, ancora avvelenata dalla sconfitta nell’europeo) ci hanno sguazzato su queste immagini dicendo peste e corna dell’italia e del suo volere impartire lezioni di comportamento quando, poi, i risultati che offre sono questi. Il sistema calcio si deve dare una ridimensionata, così non si va avanti. Come cercare di tornare a una credibilità ben accentuata lo abbiamo suggerito nell’articolo precedente, ma tornando al fatto degli spogliatoi vogliamo citare l’esempio del giappone. Sì dei giapponesi che abbiamo sempre ritenuto, forse a ragione, un popolo inferiore al nostro. Ebbene, poco più di tre anni fa i nipponici approdarono, da grandi favoriti, alla finale di coppa d’asia dove affrontarono ad abu dhabi il qatar. Con grande sorpresa di tutti persero. Effetti?

Rientrarono negli spogliatoi e alla fine ogni giocatore si adoperò per farli ritrovare immacolati come glieli avevano consegnati. E lasciarono pure i ringraziamenti in tre lingue (inglese, giapponese e arabo) per come erano stati accolti. Questo il loro spogliatoio dopo, ribadiamo, dopo la partita. Meditate (e imparate) gente, meditate…

PENSIERINO DELLA SERA – Ti preghiamo, mentana, che pure stai proseguendo una importante carriera, evitaci quei tuoi continui speciali che nulla ricavano, come contenuti, dalle cose che dici tu e i tuoi sparuti, e a volte sconosciuti, ospiti. Sei encomiabile per gli sforzi che fai di rendere un programma gradevole ma il risultato non è propriamente esaltante. Per riempire le tre ore che ti prendi, in pratica, sei giorni la settimana mandi servizi o notizie andati giorni prima in altre trasmissioni oppure lo stesso reportage se è fresco di giornata, come l’ovetto partorito dal sederino della gallina, lo mandi in onda fino a tre-quattro volte. Però, ribadisco, sei encomiabile e, se vogliamo, ammirevole, Quella che invece non si può proprio perdonare, perché c’entra il canone che paghiamo (ancora per molto? E perché?) noi tutti è mamma rai, di tutto di… meno, quando continua a proporre conduttori come quella delle 14 sul primo canale. E infine, non crediamo che ci siano i media di altra nazione della stessa europa che dedichino così tante ore al giorno al conflitto bellico in atto. Tanto per esporci…

ATTENTI AI MESSAGGI INGANNEVOLI – Girano, e ne abbiamo abbondantemente parlato, certi insert ingannevoli in rete e dobbiamo stare attenti a non cascarci. Alcuni, però, per come sono concepiti meritano pure ammirazione. Come quello uscito nei giorni scorsi e che parla di un’offerta per rifare il bagno. Recita testualmente: “Lascia le tue chiavi, pensiamo a tutto noi”. Così oltre al bagno si fanno pure tutto l’appartamento! Però, ladri garbati e pure educati! Ma che devono girare alla larga.

Lascia un commento