Cerveteri Enogastronomia Litorale

Fervono i preparativi per il ritorno della “Festa dell’Olio nuovo” a Cerveteri

Ritorna a Cerveteri la “Festa dell’Olio nuovo”.

L’assessore Riccardo Ferri

Dopo lo stop forzato a causa della pandemia, si è rimessa in moto la macchina organizzativa che nel fine settimana del 3 e 4 dicembre calamiterà centinaia di visitatori nel centro storico della città. L’evento, giunto alla tredicesima edizione, sarà il consueto cocktail di dibattiti, stand degustativi, esposizioni di artigianato e momenti di intrattenimento, un programma che si pone l’obiettivo di esaltare e premiare le eccellenze imprenditoriali del settore oleario del territorio di Cerveteri. L’iniziativa prevede anche il concorso per scegliere il miglior olio nuovo del 2022, una giuria selezionata decreterà l’azienda vincitrice, trofei e riconoscimenti saranno consegnati dagli organizzatori a partecipanti. Anche i visitatori potranno tornare a casa con interessanti premi come bottiglie di olio e buoni per degustazioni nei ristoranti del territorio, partecipando alla lotteria collegata alla manifestazone. Assessorato alle politiche agricole del comune ed Associazione Olio E.V.O. stanno ultimando gli ultimi preparativi del ricco cartellone che avrà il centro nevralgico nella storica piazza Santa Maria, il cosiddetto salotto buono di Cerveteri.
«Saranno due giorni intensi – afferma Riccardo Ferri, assessore all’agricoltura – i cittadini spazieranno in un tour di degustazioni, conferenze e viaggi culinari, siamo felici dopo il blocco della pandemia di tornare a celebrare l’olio, uno dei prodotti primari delle nostre terre. Ma la festa sarà anche un momento didattico. Non mancheranno corsi e momenti conoscitivi del pregiato olio del territorio tenuti da personale esperto che, anche attraverso piacevoli assaggi di prelibatezze, introdurranno i visitatori in un viaggio di sapori che si coniugherà meravigliosamente con il centro storico di Cerveteri. Siamo certi che la kermesse sarà visitata da tantissime persone, dopo il lockdown abbiamo tutti voglia di aggregazione, socialità e sorrisi. Naturalmente non possiamo fingere di ignorare la realtà dei fatti che vede molte aziende agricole in palese difficoltà per l’aumento delle spese. L’edizione 2022 sarà infatti l’occasione per ascoltare le preoccupazioni e le aspettative dei produttori agricoli di Cerveteri e del litorale, sballottati tra aumenti dei costi del carburante, bollette sempre più alte e spese di spedizioni elevate. La “Festa dell’Olio nuovo” vuole essere un segnale di ripresa ed incoraggiamento per uno dei settori economici più tradizionali del territorio».

Lascia un commento