Cerveteri Ladispoli Litorale Ultim'ora

“Le palestre del litorale rischiano di chiudere definitivamente”

Il comparto del fitness continua  a vivere  nella sua sofferenza e tra pochi giorni, a un anno dal Covid, si traccerà  un bilancio sulla pesantissima stagione  che ha condizione una categoria, la più martoriata dall’emergenza sanitaria .  Nel litorale di Roma la situazione è pesante , i gestori chiedono di riaprire a Marzo.  Per l’associazione Area PMI un ulteriore prolungamento dello stop aggraverebbe  il momento  in termini occupazionali e non solo. <<  Nel territorio , per esempio da Pomezia ad Ostia, vi sono anche grandi realtà, centri sportivi che oltre ad offrire sport e benessere, si occupano anche di somministrazioni con bar e ristoranti – afferma Protopapa – ma vi sono anche piccoli centri, i più penalizzati, che non riescono più a pagare gli affitti. Si stima- continua – che già il 20% ha chiuso  l’attività e non riaprirà. Ripercussioni maggiori si potrebbero avere tra qualche mese ,  quando il 30% potrebbe avere difficoltà a riprendere , nella speranza che diano il via libera alla riapertura  in sicurezza. Aprire nei mesi estivi, tra l’altro, non è mai come nel periodo invernale. Palestre e piscine in località balneari come le nostre subiscono nei mesi estivi dei cali di iscritti notevoli, rispetto a città che si trovano al nord Italia.   In molti si sono organizzati svolgendo lezioni di fitness all’esterno, un palliativo per far fronte alle perdite di incassi .  Ci auguriamo – continua Protopapa – che il governo introduca delle nuove disposizione in favore dei centri sportivi e non lo faccia quando è troppo tardi. E’ una categoria penalizzata che nel corso del Covid ha lavorato solo per pochissimi mesi. Noi come associazione stiamo organizzando un sit in virtuale sui social, chiamando in causa i gestori del litorale>>.

Lascia un commento