Cerveteri Litorale Spettacolo Ultim'ora

Michele Castiello presenta su Ortica Social la rassegna cinematografica a Cerveteri

di Michele Castiello 

Con “La Tosca” termina l’omaggio al cinema di Monica Vitti iniziato a gennaio di quest’anno, interrotto a marzo per il Covid  19, e ripreso sabato scorso con L’eclisse di Michelangelo Antonioni.Sappiamo cosa abbiamo passato e come la pandemia a sconvolto, stravolto le nostre vite, il quotidiano, il ns tempo libero. Sono stati mesi pazzeschi e terribili non solo in Italia ma in tutto il mondo ( e non siamo ancora fuori , anzi dobbiamo stare ancora molto attenti).

Ebbene quale migliore occasione per lasciarci alle spalle tutto ciò e non pensare …- anche se solo per poco- tuffandoci nel cinema e incontrando la gente? Si perché come diceva il grande poeta brasiliano Vinicius de Moraes: “ L’incontro con la gente, il vedersi, guardarsi solo semplicemente negli occhi, è vita.”….. Ecco capovolgiamo la frase:  la vita è anche l’arte dell’incontro”

Ci  sono ancora 6/7 posti liberi se volete potete prenotarvi ,è l’ultimo appuntamento dedicato alla grande Monica Vitti . Vi aspetto in  Sala Ruspoli -Piazza Santa Maria a Cerveteri sabato 17 ottobre, nel consueto slot orario delle 16:30, per la proiezione del film “La Tosca” di Luigi Magni del 1973 ,con Gigi Proietti, Vittorio Gassman, Aldo Fabrizi e appunto Monica Vitti, con le musiche di Armando Trovajoli.

Come si diceva dianzi,nonostante lo stop forzato dovuto al lockdwon di marzo, ho cercato di condurre a termine con passione, serietà ed anche competenza, questa rassegna su una grandissima attrice di livello internazionale, un volto iconico del nostro cinema.

Ahimè  sappiamo che Monica Vitti  sta versando in condizioni non buone da vent’anni ormai. Una malattia degenerativa l’ha colpita gravemente…….. Lei vive ancora ( il ns augurio è di arrivare e superare i 100 anni ) protetta dalle amorevoli cure del marito Roberto Russo ,e noi abbiamo modestamente omaggiato la sua arte sforzandoci di rispondere ad alcuni interrogativi che ci siamo posti durante il corso della rassegna –( composta di ben nove appuntamenti) – in cui sono intervenuti critici, sceneggiatori, scenografi , storici e personaggi dello spettacolo.

Abbiamo fatto del nostro meglio sforzandoci di comprendere l’arte interpretativa, la recitazione ed anche le molteplici facce dei suoi personaggi quasi sempre affidati a grandi maestri della settima arte.. Si perché lei, la Musa “inquietante”- che “poco” inquieta (?)o meglio che non inquieta abbastanza(?)-  così la definisco nell’ appendice che accompagna l’ultima dispensa critica- possiede una forza interpretativa senza pari:  drammatica, folle, malinconica, triste, avvolta ( talvolta ) da noia carezzevole; lievemente spossata, ma anche brillante, ironica , iconica ,carica di humor, spiritosa e gentile, ha saputo interpretare il carattere, la tensione ,la levità e la profondità dell’animo umano e soprattutto il carattere la tempra ed anche la protesta della donna moderna, senza esibizione né sovraesposizione, diciamo con severa, autentica, umiltà . E’ stata Claudia, Valentina, Vittoria, Giuliana nella tetralogia antononiana ; eppoi Teresa, Susy Macaluso, Helene Foucauld, Anna e Lisa, Mimy Bluette, la magnifica Dea Dani in Polvere di stelle e tanti altri personaggi memorabili, e infine Floria Tosca in quest’ultimo film. Ebbene vi aspetto sabato pomeriggio alle ore 16,30 a Cerveteri , per il conclusivo appuntamento, nei locali di Sala Ruspoli seppur con ingressi contingentati e nel pieno rispetto delle normative anti-covid. Un’altra informazione ( e non di servizio come in genere si dice).

Una volta terminata la rassegna, proprio per l’amore verso il cinema e la dedizione profonda- al limite del proprio sacrificio personale- ho in serbo una sorpresa speciale: nel mese di novembre ( il 7 e il 14) infatti, omaggerò tre mostri sacri del grande schermo e dello spettacolo: Alberto Sordi e Federico Fellini, per i quali sono stati festeggiati i 100 anni dalla nascita, e Franca Valeri, scomparsa quest’estate pochi giorni dopo aver compiuto un secolo di vita. Come di consueto, tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito.

 

Lascia un commento