Cerveteri Come eravamo Sport

Parte da oggi la nuova rubrica “Come eravamo”. La storia di Gabry Rondinelli

Per tenervi compagnia in questo periodo in cui è necessario rimanere in casa, Ortica Social vara la nuova rubrica “Come eravamo”, curata dal collega Fabio Nori. Potrete così rileggere articoli di vari argomenti che ci permetteranno di fare un salto all’indietro nel tempo. E ricordare anche vicende che pensavamo di aver dimenticato. Iniziamo da un articolo pubblicato il 26 febbraio del 2008 riguardante la DM 84 Cerveteri che partecipava al campionato di Seconda categoria che avrebbe poi vinto a maggio.

Gabry Rondinelli genio e sregolatezza, l’uomo in più della DM 84

Di giorno guida i bus che portano i bambini a scuola. Di domenica si trasforma in un bomber con delle prodezze balistiche. Gabry Rondinelli, detto “ Rombo di tuono” ha acquisito  il vizio di segnare e con la sua squadra la DM 84 sta facendo faville. Giallorossi  che rimangono a sei lunghezze dal primo posto, in lotta ancora per salire di categorie. La vittoria di domenica, firmata Rondinelli, ha restituito fiducia al club etrusco. Tanta contentezza, anche se lui, come è suo carattere, se la sa tenere dentro. “  Sono fatto così, di carattere schivo che non mi piace ostentare . Sono felice, per la mia squadra e la società. I tre punti cancellano il brutto periodo, alternato da qualche sciagurata domenica. Se ci impegneremo, però, sono convinto che ce la potremo giocare fino all’ultimo”    Domenica trasferta a Primavalle, campo e squadra considerate insidiosa. “ Mi auguro di ripetere la prodezza di domenica scorsa. E’ stato un bel gol, i compagni hanno speso molti complimenti, attestati di affetto che fanno bene. Li ringrazio, ma se abbiamo vinto il merito è da dividere con loro. Speriamo bene, ci recheremo a Roma in uno stato di forma ottimale e con la concentrazione giusta. Vincere significa rimanere sul treno promozione, e se sapremo giocare come è successo domenica possiamo contare di portare un risultato importante” .

Lascia un commento