Cerveteri Ladispoli Litorale Ultim'ora

Quelli che predicano bene, razzolano male e scrivono in nero nel giornalismo locale…

di Gianni Palmieri

Difficile non farsi una risata davanti a certi post. Ma, visto che qualcuno si erge a fustigatore dei costumi e veste i panni del moralista, beh due cosette sentiamo di raccontarle ai lettori.

Vi risparmiamo, per ora, i nomi degli autori di tali amenità, visto che ci sono indagini in corso e presto tutto arriverà al pettine. Per ora vi possiamo dire, leggendo post sui social surreali, di diffidare fortemente di quei giornalisti che predicano bene, parlano di deontologia professionale, accusano gli altri di essere al servizio di chissà chi. Ma il coraggio di fare i nomi non lo trovano mai. Forse perchè passare dalle illazioni ai fatti reali diventa difficile se non si hanno le carte in regola per fare sermoni. E francamente ci siamo stufati di quei personaggi che fingono di dimenticare che da oltre un anno scrivono facendosi pagare in nero su un mass media locale, non hanno contributi versati, accettano una situazione deontologicamente illegale. Vero che ognuno deve campare, ma almeno il pudore di tacere no? Stessi personaggi che in altre sedi romane rivendicano buste paga più congrue. Sarà che a Ladispoli la si pensa in un modo e passata la via Aurelia per arrivare a Cerveteri si cambia pensiero? Un consiglio: evitate la morale, non potete proprio farla… Stanno arrivando al pettine tutti i noi, state sereni…

Lascia un commento