Russo, ma non dormo Ultim'ora

VERGOGNA SCHIFOSI

di Ugo Russo

Così, come sul titolo, senza virgola o punto esclamativo, riportava il nome di un film del 1969 griffato dal regista Mauro Severino e che, a parte il povero Lino Capolicchio, non aveva nel cast attori di quelli da farti strappare i capelli. E lo diciamo forte anche adesso: VERGOGNA SCHIFOSI, sapendo che gli attuali attori valgono ancor meno di quelli di allora, ma quelli recitavano al cinema. Sono quelli che ci hanno rovinato da tanti anni a questa parte ed ora, passati all’opposizione e trovatisi senza la poltrona assicurata, hanno promesso di fare ferrea opposizione al governo. La fanno su tutto, anche per una scorreggia uscita male, così pensano che questo mettere costantemente “il bastone fra le ruote” possa far cadere l’attuale coalizione (eletta dagli italiani, non come loro che illo tempore si erano messi… da soli). Ma Giorgia Meloni ha dimostrato una grande determinazione e certo avrebbe bisogno, specie da forza italia, di una maggior collaborazione ma già si è mossa come si deve fare, alzando la voce e in quel letame di europa che fa finta, quando le pare, di dire che il nostro paese è fondamentale poi non manca occasione per mettercelo dietro.

Quanto successo da parte di germania, norvegia, francia (le prime due e la terza come parere non autorizzato) che si sono accordate con le ong e hanno fatto arrivare navi recanti ben in vista la loro bandiera sulle nostre coste e poi ci hanno imposto di prenderli noi e farli scendere tutti, non è solo vergognoso, è vomitevole e va contro qualsiasi patto. Non c’entra niente il trattato di dublino, per  cui bisogna accogliere coloro che vengono dalle guerre, perché i dati dicono che almeno la metà non vengono da posti altamente pericolosi in quel momento e sono solo fuggiaschi politici ed economici ma soprattutto non sortiscono altro effetto che venire a delinquere e portare le malattie (negli ultimi arrivi non sono stati fatti neppure i tamponi a questa gente che è stata mischiata ad altra col rischio di infettare tutti!!!!!). Quanto promesso di ridistribuire i migranti che fine ha fatto, se sugli ultimi 20 mila sbarcati, presi un po’ quà, un po’ là, solo 120???!!! hanno lasciato il nostro paese? Non vogliono prendere neppure quelli sulle loro navi: bastardi, delinquenti!!! E che fanno, conte in primis che quando era premier era d’accordo di non accoglierli (e quello che era stato il primo a dirsi d’accordo sulle armi in ucraina ed ora dice che anche l’invio di una pallottola deve essere discusso in parlamento!!!), questi a cui il sederino ancora rode perché si sono trovati dall’altra parte, osteggiano in ogni modo la Meloni. La quale è troppo buona e deve incattivirsi maggiormente strada facendo. Comunque, è subito andata a bruxelles a fare la voce grossa e speriamo che ci sia più gente possibile accanto a sostenerla. Il popolo, che l’ha votata, ha fiducia in tutto quello che fa.

E se non si sblocca questa situazione paradossale (come organizzano bene questi viaggi, le donne, ad esempio, sono quasi sempre incinte: come mai? Le selezionano appositamente per fare ancora più pena?) allora la soluzione è una sola: bloccare completamente gli sbarchi!!! Bloccare i porti “a rischio”. Con tutto il rispetto, pensiamo prima agli italiani che muoiono di fame e sono tantissimi. Italiani, però, che dovranno far vedere di avere voglia di fare, perché si dice che ci fa comodo far entrare stranieri per incrementare la forza lavoro, ergo c’è lavoro ma non c’è chi lo fa, almeno un certo tipo di occupazione. Per cui italiani senza voglia di fare un’emerita cippa (e poi il reddito di cittadinanza ha aumentato a dismisura questa apatia) cercate di rimboccarvi le maniche. In patria ci devono essere gli italiani, i cosiddetti indigeni, non gente che non vogliamo perché la paghiamo noi e ci toglie da mangiare. Basta gli spot “aiuta questo, aiuta quello” vogliamo vivere NOI in maniera dignitosa specie quelli che per una vita hanno sborsato tantissimi soldi in tasse, trattenute, bollette. Basta stranieri, pensiamo a noi. E dobbiamo cominciare a non cedere di una virgola. Perché, poi, certa gentaglia ce la ritroviamo in casa pronta a derubarci e a farci fisicamente del male. E poi cari compagnucci che fate la morale, prendetene ognuno di voi dieci in casa e manteneteli! Col picchio!!! Altra cosa nauseante è che, invece di sostenerla per le cose buone che fa o tenta di fare, quando si parla di Meloni qualcuno, per proprio comodo, la accosta soltanto al termine fascismo. Lei ha più volte smentito che la cosa la possa minimamente interessare, ma se insistono (ah, se insisteranno, non sapendo a dove attaccarsi) un consiglio. Giorgia fai la fascista, la despota, la dittatrice: fai chiudere subito la7, buona parte del tg1 e tg3 e metti per strada tutti quelli nettamente in quota pd che hanno come unico proposito, compito, fine quelli di sparlare di te. Perché i signori dell’opposizione (ma suggerite cose costruttive, fatela finita!) in tal maniera hanno anche televisioni, radio e siti per aiutarli nelle loro losche mire. Al contrario avrebbero già chiuso tutto quanto non gli avrebbe permesso di fare il loro porco comodo. Il paese vive momenti nerissimi, coloro che vogliono contrastare le cose per propri interessi personali vanno messi da parte.

In tutto questo ci sono ancora due punti fondamentali da chiarire e, certamente, da aggiustare (tre se pensiamo che tajani non appare ideale ministro degli esteri): giustizia e sanità. E dire che abbiamo fatto pure la corte spietata a nordio perché accettasse e garantisse finalmente una giustizia migliore. In concreto, con lui speravamo finalmente di poterci dissociare da una giustizia che proteggesse solo i delinquenti, gli infami e incrudire le pene verso, ad esempio, i mercanti di morte che sono quelli che organizzano i rave party con esagerato uso di droga. Lui che fa, diminuisce quanto chiesto dalla Premier e da altri e assimila questo ad altri tipi di reati. Dimettiti. Oppure quando è stato sollecitato su questa ripresa incontrollata di arrivi di navi e barconi e ha detto: “Le selezioni le fanno gli scafisti, li prendiamo perché siamo rassegnati”. Eh, no, non é di gente come te che abbiamo bisogno, ci vogliono persone battagliere, capaci di superare ogni problema. Una prima valutazione? Dimettiti e lo ribadiamo con forza, a meno che non cambino rapidamente le cose.

Altro grosso problema che proprio da anni non riusciamo non dico a risolvere del tutto ma almeno ad attenuare concretamente é quello della sanità. Con speranza pensavamo di aver toccato il fondo con molte persone che si potevano salvare e sono morte, ma ora sono rispuntate le tante facce poco rassicuranti di virologi e la loro ingiustificata prosopopea (“io sono più bravo di te”) che in tre anni non hanno risolto dubbi su questa maledetta pandemia; che appaiono in tv per reclamizzare l’uscita di un loro libro chiedendo per questo soldi anche a chi si sono ben guardati dall’aiutare a guarire; che sollecitano la gente a vaccinarsi con la quarta (la quinta, fra poco la decima) dose magari di scorte scadute in magazzino che bisogna smaltire, forse per avere soldi dalle case farmaceutiche? E’ sempre un consiglio, per carità: facciamo piazza pulita di tutta questa gente, liberiamoci di tutte queste facce poco raccomandabili e rassicuranti e sostituiamole con persone che abbiano voglia di fare e di risolvere veramente i problemi. Ne abbiamo bisogno: dopo 100 giorni dalla scoperta del virus abbiamo diritto di sapere cosa si sta facendo, quanto bisognerà aspettare per la risoluzione di questa terribile cosa capitata tra capo e collo all’umanità e, almeno su questo, e qui mi rivolgo ai capi di governo di tutto il mondo, con tutti i casini che avete fatto scatenare, lasciateci tranquilli. O per lasciare tranquilli noi poveri abitanti di questo derelitto pianeta terra sareste costretti a sacrificare un altro bel po’ di miliardi da spartirvi tra voi, brutti porci?

Lascia un commento