Cerveteri Ladispoli Litorale

Volontariato: Ladispoli 2 Cerveteri 0

di Alberto Sava

Nell’aula consiliare grande fair play istituzionale in tribuna autorità, occupata dal sindaco di Ladispoli Alessandro Grando e dal presidente dell’Assovoce Giuseppe Del Regno. Atmosfera da derby festoso in platea tra il pubblico presente. Particolarmente affollata di giornalisti la tribuna stampa. Un’ora e mezza tra interventi dei protagonisti dell’incontro e le numerose domande e risposte.

Del Regno sfida Pascucci: “Il 22 lo aspetto per guardalo negli occhi”

Mercoledi 22 luglio Assovoce dovrà lasciare, con la forza se necessario, la sede storica di via della Mura Castellane e ieri mattina durante la conferenza stampa Del Regno ad domanda su questo punto ha risposto: “La manifestazione di protesta annunciata si farà. Da tempo i volontari dall’Assovoce pongono domande e non lasceremo la nostra sede storica senza aver ricevuto le dovute risposte. Aspetto il sindaco Pascucci per guardarlo diritto negli occhi e porre a lui tutte quelle domande ancora senza risposte. Risposte che garantiscono servizi delicati per la sicurezza a Cerveteri e non solo.  Il presidente Del Regno ed il sindaco Grando hanno glissato sulle domande di tipo politico più insidiose, e risposto in modo articolato quando invece si parlava di volontariato. Assovoce continua: così Del Regno ha espresso la sua gioia, ringraziando il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando per il suo intervento tecnicamente tempestivo, politicamente intelligente e con grande spirito di servizio verso tutti i cittadini amministrati. Contemporaneamente ha espresso amarezza per la scelta dell’amministrazione Pascucci di cacciare di fatto l’Assovoce dalla sede storica di via delle Mura Castellane. Del Regno ha aperto il suo intervento ribadendo a tutti i giornalisti presenti che l’Assovoce era senza convenzione, ma ha anche detto di aver più volte sollecitato il Comune a risolvere il problema, senza aver mai ricevuto risposte. Silenzio anche sull’azione di autotutela avverso l’intimazione di sfratto. Tutto questo è il passato,oggi Assovoce è parte delle forze del volontariato di Ladispoli. Intanto a Cerveteri molti si chiedono perché i cittadini non hanno più l’unico servizio esistente di soccorso volontario con ambulanza, dislocato nel cuore del paese.

“Ladispoli è orgogliosa di accogliere l’Assovoce”

“La città di Ladispoli è orgogliosa e onorata di poter ospitare da oggi l’Associazione Soccorritori Volontari di Cerveteri, corpo di Protezione Civile che da 30 anni rappresenta un punto di riferimento prezioso per l’assistenza alla popolazione del litorale”.A parlare è il sindaco Alessandro Grando che, nel corso di una conferenza stampa, ha ufficialmente annunciato l’accordo raggiunto con l’Assovoce di Cerveteri, che tra pochissimi giorni diventerà operativa a pieno regime sul territorio di Ladispoli.“L’Amministrazione comunale – prosegue Grando – si è più volte avvalsa della collaborazione dell’Assovoce, che da maggio presta servizio nel Cento vaccinale di via Trapani, e siamo onorati di poterli ospitare a Ladispoli. Provvisoriamente, in attesa che venga individuata una sede idonea, l’associazione sarà ospitata presso la sede della Protezione civile comunale. Al presidente Giuseppe Del Regno ed a tutti i volontari dell’Assovoce diamo il benvenuto a Ladispoli e gli auguriamo buon lavoro”.

Il dado è tratto: ieri mattina primo vertice con l’Assovoce

Subito dopo la conferenza stampa, Alessandro Grando ha riunito nel suo ufficio, il responsabile della segreteria del sindaco Miska Morelli, il presidente dell’Assovoce Giuseppe Del Regno ed il delegato alla Protezione Civile comunale Salvatore Zingale per decidere due punti: la calendarizzazione della convenzione tra il Comune di Ladispoli e l’Associazione Volontari Cerveteri e l’inserimento, tanto immediato quanto provvisorio,della squadra dei volontari Assovoce nella sede della Protezione Civile comunale di via Castellammare di Stabia, fino a quando Assovoce non avrà una sua sede adeguata ai compiti istituzionali dell’Associazione.

 

 

 

 

 

Lascia un commento